mercoledì 27 febbraio 2008

I burocrati che bloccano l'Italia: non vogliono le energie alternative.


In Italia si sa, siamo indietro di 1000 anni su tutto, siamo un paese medioevale. Vorrei parlarvi delle energie alternative: in tutta Europa vengono sfruttate e incentivate, in Italia invece vengono osteggiate. Parlo dei pannelli solari e del fotovoltaico. I burocrati comunali e delle Soprintendenze, fanno di tutto affinché queste nuove tecnologie non vengano impiegate, trovano scuse assurde, impatti ambientali su palazzi e località che di bello hanno ben poco; poi magari autorizzano interventi urbanistici osceni, ma i pannelli fotovoltaici li vietano. Un paese di burocrati trogloditi, personaggi collocati in posti dell'amministrazione che bloccano lo sviluppo dell'Italia e ci lasciano indietro di secoli rispetto agli altri paesi che nel frattempo vanno avanti. Fino a che ci sarà questa gente nelle amministrazioni, non solo non progrediremo, ma tutti i paesi del mondo ci passeranno avanti: a breve il terzo mondo saremo noi, per colpa di questa gente che non viene eletta da nessuno, ma che ci ritroviamo in posti chiave a bloccare lo sviluppo del paese.

4 commenti:

claudia ha detto...

Nicola, sono completamente d'accordo con te. Baci

Alberto ha detto...

Non parlarmi delle soprintendenze per favore che c'ho il dente avvelenato. Sono centri di potere (scusatemi la frase fatta) forti con i deboli e deboli con i forti.

Fabio ha detto...

quoto, quoto e quoto.

Anonimo ha detto...

Parli di italiani. Questa gente e' popolo italiano. Vuoi che in quei posti, caso sfortuito, ci siano andati i peggiori?
Sarebbe un caso assai strano se in tutte le amministrazioni ci fossero andati i peggiori.
Quei burocrati, sono italiani e rappresentano l'italiano di oggi.
Anche se si cambiassero, andrebbero sempre italiani. Sarebbe sempre la stessa pasta.