mercoledì 2 gennaio 2008

Ma chi cacchio è "Ello"? Le Pubblicità Regresso.

Quando guardo le pubblicità che passano in TV (raramente, per fortuna), ho il timore di essere afflito da tare mentali: non le capisco. Non ne trovo i nessi, non ne comprendo i significati e mi dico: "e pensare che c'è gente che studia per fare queste cose".
L'altro giorno ho visto una pubblicità in cui una voce narrante parlava di un certo "Ello", che tutti chiamano "Ello", salutano "Ello" e io che mi chiedevo: ma chi cacchio è 'sto "Ello", cosa fa nella vita ma, soprattutto, cosa cavolo stanno pubblicizzando! A fine spot, appariva la marca di una nota casa automobilistica italiana. Ma che collegamento c'è tra la pubblicità e la Casa Automobilistica? Assolutamente nulla!
Questa è una delle tante "Pubblicità Regresso", quelle prive di significato, o ambigue, o incomprensibili. Lo scopo della pubblicità dovrebbe essere quello di presentare un prodotto, ma se nemmeno me lo citi o pronunci frasi sconclusionate, come posso comprendere se un prodotto è valido oppure no?
Il record delle pubblicità senza senso secondo me si raggiungono nei profumi: donne che escono da laghi dorati, uomini distesi nelle barche... Ma che facciano vedere un uomo che esce da una stalla con un badile di letame e non se ne parli più! Eau de Baghen...
Quando ero un bambino, ricordo una pubblicità con un CowBoy che girava tra le montagne su un cavallo, all'interno di paesaggi mozzafiato. Alla fine compariva la scritta: Malboro Country. Io credevo fosse la pubblicità di un'Agenzia viaggi per gli Stati Uniti. Solo successivamente compresi che era la pubblicità delle sigarette...

I Gommisti invece sono i più pervertiti. Le loro pubblicità più sconce però, le passano solo sui giornali o sulla cartellonistica stradale. Per pubblicizzare una gomma utilizzano solo ed esclusivamente donne nude e tette rifatte (la gomma...). Trovate un cartello con una donna nuda? E' la pubblicità delle gomme, non c'è dubbio. Ma visto che ora tutti utilizzano le donne nude, devono spingersi oltre, allora pubblicano pornostar a gambe aperte con al posto della classica stellina sulle parti intime, una gomma per auto, con su scritto: "questo pneumatico è una figata!". Credevo che i poster con donne nude lungo le strade fossero vietati ma evidentemente non è così. La Bidentina (FC) nei mesi scorsi, a seguito di una pubblicità in cui compariva una donna nuda con tette al vento (due belle tette, diciamolo...), sembrava la locandina di un film porno. La Bidentina è già di per se una delle strade più pericolose della Romagna, non c'è bisogno di incrementare pericolo e distrazione per gli automobilisti.Per fortuna guardo veramente poco la televisione, però per le strade mi capita sovente di viaggiare...

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

8 commenti:

Ganglio ha detto...

Quando scoprii cosa facevano nella contea di Marlboro ci rimasi malissimo.

Nicola Andrucci ha detto...

ganglio: :-D

suburbia ha detto...

Le pubblicita' sono orribili il 95% dei casi... E spesso pubblicizzano prodotti che non apprezzo e non condivido.
Forse il senso di quella degli Ello e' che se anche ti fa' proprio schifo non la associ subito al prodotto (da qui inevitabilemtne staresti alla larga) :-)

Nicola Andrucci ha detto...

@sub: ho l'impressione che i pubblicitari si rivolgano ai potenziali clienti, considerandoli dei deficienti. Lo scopo della pubblicità è questo: rimbambire i possibili acquirenti o rivolgersi ai rimbambiti.
Visto che non mi considero rimbambito e non voglio rimbambirmi, la pubblicità mi stà parecchio sulle p....

Giuseppe Nicosia ha detto...

Ho letto che alcuni psicologi ritengono che la pubblicità è tanto più efficace quanto più risulta fastidiosa. Forse nei prossimi giorni pubblicherò qualcosa sull'argomento sul mio blog.

Nicola Andrucci ha detto...

@giusnico: a me la pubblicità, ha l'effetto di farmi odiare i prodotti!!!

Giorgio ha detto...

Le pubblicità dei profumi non le capisco perchè parlano in francese.
L'unica che capisco,perchè parla in italiano,è quella dell' ACQUA di Giò.
Ma mi sorgono prepotenti 2due2 domande:
1)ma quanta acqua fa al giorno questo Giò per riuscire ad imbottigliarne tanta?
2)chi è quel cretino che compra l'acqua di Giò e poi butta via la sua nel cesso,tirando pure lo sciacquone?

Nicola Andrucci ha detto...

@Giorgio: la risposta potrebbe essere racchiusa nel 4° segreto di fatima... :-D