lunedì 21 gennaio 2008

Diciamo la verità: i nostri stipendi, non valgono più niente.


I metalmeccanici hanno finalmente rinnovato il contratto, 127 euro di aumento, spalmati in 3 anni. In questi tre anni, il potere di acquisto degli stipendi diminuirà molto di più, di questi 127 euro.
Inutile nasconderlo, i nostri stipendi non valgono più nulla e il divario tra ricchi e poveri si allarga enormemente. Lo stipendio dei nostri genitori 20 anni fa, valeva il doppio del corrispondente odierno nostro. Secondo i dati forniti dall'Ires, il 10% delle famiglie più ricche, possiede il 45% della ricchezza totale.
Dieci anni fa la benzina costava circa 1/3 di oggi. Gli indici dei prezzi sono aumentati enormemente negli anni, ma stipendi e salari, hanno subito solo piccoli ritocchi. Negli anni '80 c'era la "soglia psicologica" dei 2 milioni di lire, il padre di famiglia che percepiva questo reddito, poteva permettersi di lavorare solo lui e tirare avanti un'intera famiglia. Oggi 1000 euro, faticano a bastare al "bamboccione" che vive ancora in cas(s)a con i suoi.
Sono andato a sentire quanto costano le case, intenzionato a un acquisto. Casette a schiera, a San Piero in Bagno (non Roma centro...), tra i 300mila e i 400mila euro. Rustici, tra i 300mila e i 500mila euro, quelli normali, oltre un milione di euro quelli più belli. A San Piero...
Come fa un giovane che magari ha un contratto precario (fortunatamente non è il mio caso, ma ce ne sono tanti) da 1000 euro al mese? Meglio comprarsi un tombino a San Rocco (nda il cimitero), un investimento sicuramente più lungimirante.
Non so se le banche concedano mutui da estinguere in 150 anni, ma sarebbe l'unico modo per comprare una casa. Volete un esempio?
Comprare una casa da 300mila euro (finiture da capitolato, ovvero un cesso), vi costerà la bellezza di circa 1600€ al mese per i prossimi 30 anni. Ciò significa che devi trovare un secondo lavoro sia per te che per tua moglie: lei a battere sulla statale e tu a fare rapine in banca... Così va l'economia italiana.
Un impiegato-tipo (quello che prendo per esempio), ha uno stipendio di circa 1200€ al mese. E' un ragazzo fortunato (come Jovanotti), ha un lavoro fisso: prende un appartamento in affitto e gli partono secchi 500€, circa altri 200€ di spese per le bollette, 300€ per il mangiare e acquisti vari al supermercato (mangia poco fortunatamente...), 200€ per vestiti, auto, imprevisti e tempo libero. Cosa metti da parte? Niente! Pensi al futuro? Si, col tombino...
Fino a che i nostri politici non si faranno carico di questo problema, sempre più giovani se ne andranno dal nostro paese, sempre più disagio, sempre più tensioni sociali.
La situazione è insostenibile, 127€ di aumento in tre anni sono nulla. In Germania, in Belgio, in Francia e in tutti gli altri paesi europei, gli stipendi sono nettamente superiori (persino in Grecia guadagnano di più! solo il Portogallo fa leggermente peggio di noi; tutti gli altri paesi europei, e dico tutti! hanno stipendi superiori ai nostri), con un costo della vita molto simile. Andate in Germania e guardate i loro prezzi. Poi guardate i loro stipendi.
Non voglio fare il disfattista, ma se continueremo a regredire così, in futuro col gommone si partirà dall'Italia!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

24 commenti:

suburbia ha detto...

Codivido in todo.. anche se dovrei essere contenta che il contratto e' stato rinnovato. Quello che dici e' tristemente vero.
E porre l'attenzione con il potere d'acquisto e' giustissimo. Se fino a 10/20 anni fa si poteva pensare anche di costruirsi un futuro ora in genere si tenta di sopravvivere
ciao

Paolo ha detto...

Innanzitutto grazie di essere passato sul mio Blog. L'analisi che hai fatto è semplicemente perfetta. Purtroppo, se l'Italia non cresce come gli altri paesi (almeno 3% all'anno) un aumento soatanziale degli stipendi è scientificamente impossibile.
Paolo

Nicola Andrucci ha detto...

@sub e paolo: ieri sera ero al bar e nell'intervallod ella partita leggevo il giornale. Ho letto la classifica degli stipendi (medi) dei paesi europei ed extraeuropei. Senza andare a scomodare paesi quali giappone, ho constatato che l'Italia era penultima in europa, davanti solo al Portogallo (persino in Grecia guadagnano di più, non ci volevo credere).
Io viaggio un paio di volte l'anno all'estero e generalmente ho trovato prezzi e costi della vita, più bassi che da noi. Forse solo la Svezia è altrettanto cara. Però, quanto guadagnano in Svezia?
Se andiamo avanti così, la nostra società sarà destinata al collasso.

Anonimo ha detto...

e che male c'e'? questa e' l'italia voluta dagli italiani menefreghisti e ignoranti. Il poco di buono rimasto farebbe bene ad emigrare e dimenticare di essere italiano.

Nicola Andrucci ha detto...

@anonimo: sarebbe bello, remare tutti dalla stessa parte, essendo tutti nella stessa barca...

Nicola Andrucci ha detto...

21.01.08 10:44:53 Ministero della pubblica istruzione Italia xxx.xxx.xxx.xxx Explorer 6.x Windows XP

21.01.08 10:47:21 Ministero degli affari esteri Italia xxx.xxx.xxx.xxx Explorer 6.x Windows 2000

D'Alema e Fioroni? :-D

magnolia ha detto...

Non dimenticate le casalinghe che devono riempire il frigorifero e sono sempre più in difficoltà. Io sono schifata e non andrò più a votare. Sono tutti vergognosi.
Buona settimana a tutti.
Magnolia.

Nicola Andrucci ha detto...

@magnolia: non dimentico certo le casalinghe. Oggi poi le donne sono due volte più impegnate, poiché oltre a lavorare sono impegnate pure in casa. Un tempo la mamma stava a casa con i figli, ora ci vuole la Tata o il nido, con tutti i relativi costi. Poi ci chiedono perché si fanno pochi figli: dovrebbero nascere che hanno già 30 anni e si mantengono da soli...

Anonimo ha detto...

Io non sono nella stessa barca di persone che hanno cercato e voluto questa situazione. Nel mio piccolo mi sono sempre battuto vedendo la massa prendermi per pazzo o ritirarsi al primo segno di difficolta'.
E' giusto cosi' e saro' felice di vedere peggiorare le cose.
Saluti.

Nicola Andrucci ha detto...

@anonimo: non tutti l'hanno voluto, non generalizziamo.

Anonimo ha detto...

Gli stipendi dei lavoratori Italiani sono i più bassi in Europa però gli stipendi dei Parlamentari Italiani sono i più alti in Europa.

Anonimo ha detto...

il problema degli italiani e' che sperano sempre sia qualcun'altro a risolvere i problemi che loro stessi hanno contribuito a creare. Non tutti, ma la maggioranza!
Gioisco per questa situazione, e' giusta e meritata!

Nicola Andrucci ha detto...

@anonimo1: è vero, e sai cosa hanno dichiarato in merito? che sono i parlamentari che lavorano più di tutti in europa. Poi vai a vedere le presenze e ci sono politici con il 98% di assenza...
@anonimo2: personalmente, non sento di meritarlo

Anonimo ha detto...

non senti di meritarlo? emigra !

Andrew ha detto...

Nicola quello che dici è vero. Purtroppo...

Anonimo ha detto...

Gli stipendi in Italia sono i più bassi xchè la fetta maggiore viene letteralmente divorata dallo stato!!! Già, quello stato che dovrebbe garantire un futuro migliore x tutti...o x lo meno cercare di farlo mentre invece pensa solo a tartassare in tutti i modi il cittadino x riempirsi le tasche il più possibile!!!Leggete il libro "la Casta" poi capirete a cosa alludo!!!

Federico Balestra ha detto...

E' vero forse lo meritiamo, ma per colpa di chi siamo costretti a votare.
Sono convinto che se ogni tanto dicessimo basta a quello che succede, se fossimo a Ceppalonia per tirare delle monetine al Mastella allora probabilmente le cose andrebbero almeno un po' meglio. Siamo noi che non vogliamo uscire dalla nostra crisi. Siamo i carnefici di noi stessi.

Nicola Andrucci ha detto...

ho letto il libro La Casta, ne ho letti tanti altri, che parlano delle problematiche italiane.
Federico, ci vediamo sabato, così avremo pure modo di conoscerci di persona.
Ciao

Lu ha detto...

avete ragione, ed anche di più!!
l'unico problema è che da 15 anni vi addestrano a combattere Berlusconi e voi fessi ci mettete l'anima. mentre i dirigenti delle cooperative girano in Audi 6, i dirigenti di Hera (e sono decine e decine) guadagnano 200.000,00 euro,

Nicola Andrucci ha detto...

@Lu: nessuno mi addestra a nulla, io dico solo ciò che penso, con la mia testa.

maurysto ha detto...

Un pò tutti.....avete ragione.
Credo che Lu volesse alludere a quanti di centro sinistra potrebbero far bene per l'Italia ma si perdono nella battaglia del secolo : combattere Berlusconi.

Condivido anche la questione che pone Lu circa i dirigenti delle coop che girano in macchinoni da mille ed una notte......

Ma queste sono le contraddizioni tutte italiane.

Questa situazione prelude, secondo me, ad una rivoluzione.

Se il popolo o parte di esso si dovesse veramente scocciare di questi politicanti, tutti nessuno escluso, sarebbe la rivoluzione.
Condivido su Ceppalonia.......
Condivido sugli stipendi dei politic....anti
Condivido sui costi assurdi.....

Ma allora ?

Anonimo......... che si fà ?

Mica faremo come i.....quattro amici al bar ?

Nicola Andrucci ha detto...

@maurysto: con i macchinoni ci girano in tanti, non solo i dirigenti coop. A me non interessa il macchinone, mi piacciono le auto, ma quelle veloci, anche se so che forte non si può andare e mi contengo. Allora vado nei kart o nei simulatori, e poi mi faccio fregare il premio...

Jake ha detto...

Ma io sinceramente non mi sorprenderei tanto, né per i salari bassi in Italia né per il fatto che altrove sono più alti. Voglio dire, ormai ci dobbiamo abituare al fatto che i Greci guadagnano più di noi, poi non parliamo di altri.
Io personalmente vorrei emigrare.. Anche per tanti altri problemi che in Italia non riusciamo proprio a risolvere.. Peccato.
Cmq bel blog, prima volta che lo visitavo.
Ciao

Nicola Andrucci ha detto...

@Jake: io più che sorprendermi, mi preoccupo.
Grazie per i complimenti!
Ciao Nicola