giovedì 24 gennaio 2008

Clamoroso al Cibali!!! E se fosse Berlusconi a non volere le elezioni?


La notizia, che potrebbe sembrare stramba, tanto insensata non è, e vi spiego il perché.

Berlusconi ha un sogno da tempo, che non è riuscito a coronare nella attuale legislatura: quello di diventare Presidente della Repubblica italiana. Se il Centro Destra avesse vinto le passate elezioni, il Cavaliere sarebbe salito sicuramente al Colle. Ci vorrebbe riprovare come successore di Napolitano, ma c'è un "se". Nel caso in cui si andasse subito alle elezioni (che è convinto di vincere), non sarebbe quel Parlamento ad eleggere il prossimo Capo dello Stato, ma quello successivo. Berlusconi lo sa, per questo potrebbe lavorare ad un governo di transizione, che traghetti l'Italia fino a possibili elezioni nella primavera del 2009. Non è un'idea campata per aria, pare che il Cavaliere ci stia veramente pensando: far dimettere Prodi e creare un governo di larghe intese, che porti a una nuova legge elettorale e poi nuove elezioni nella primavera 2009.

C'è un altro motivo per cui questa legislatura potrebbe non finire, anche se Prodi dovesse cadere: non sono passati i fatidici giorni che "regalerebbero" una lauta pensione agli attuali Parlamentari.

Se ci sarà un governo di transizione, potrebbe non essere per motivi politici, ma privatistici.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

56 commenti:

Riverinflood ha detto...

Non mi pare poi così campata in aria, conoscendo bene questi porcelli!

justfrank ha detto...

Infatti, sono entrambe ipotesi che restano sul tavolo, soprattutto la seconda. Quanto alla prima, l'idea di un Berlusconi capo di Stato è di quelle che fanno venire gli incubi.

Nicola Andrucci ha detto...

@River: nella politica italiana, nullka è impossibile.
@Just: sull'ipotesi di Berlusconi Capo dello Stato, ne parlò a suo tempo il Politologo Pasquino.

<--ste--> ha detto...

Berlusconi al colle e fini premier è realmente una cosa fattibile.aiuto.

rokko ha detto...

Sarà,
ma per me questa ipotesi non regge.

Per me i due obiettivi primari di Berlusconi sono i seguenti:

- completare le riforme relative alla Giustizia, in modo che al più presto lui ed i suoi amici non abbiano più niente da temere per le pendenze rimaste con la legge.

- rendere definitivamente inattaccabili e al sicuro le proprie tv finché non ci sarà il passaggio definitivo al digitale terrestre

Questi due compiti, sono più compatibili con una presidenza del consiglio che della repubblica. Il primo è realizzabile con leggi ad hoc in uno, massimo due anni. Per il secondo è sufficiente aspettare la durata della legislatura, senza fare nulla.

Sono pertanto certo al 100% che:
- punterà a tutti i costi ad elezioni immediate
- stroncherà sul nascere qualsiasi tentativo da parte di Fini o Casini di candidare un premier alternativo diverso da lui.

Ci riuscirà sicuramente, primo perché gli alleati non sono nulla senza di lui e lo sanno perfettamente. Secondo, perché è praticamente certo che le destre vinceranno questo giro elettorale, a meno di sconvolgimenti improbabili.

Anonimo ha detto...

il Presidente della Repubblica dovrebbe essere votato a larga maggioranza. E' vero che siamo sempre nella "Repubblica delle banane", ma il Cavaliere Capo dello Stato significherebbe......EMIGRARE!

Anonimo ha detto...

Napolitano è stato eletto il 10 maggio del 2006.
Il presidente della repubblica dura in carica 7 anni.
Ergo il mandato non può scadere nel 2009!
A meno che Berlusconi sappia qualcosa sullo stato di salute del Presidente, la tua ipotesi mi sembra alquanto stravagante.

Anonimo ha detto...

scrivete cosi' perche' forse siete solo studenti mantenuti da papa' non pagate lo scotto che questo governo ha fatto pagare a me
non c'è la faccio ad arrivare a fine mese ed ho dovuto consegnare le chiavi di casa alla banca prima con berluscuni non era cosi..campavo ,oggi con lo stesso stipendio muoio..chi vi parla è un operaio metalmeccanica padre di 4 figli ormai ex iscritto a rif.comunista,aprite gli occhi lasciate le stupidi ed inutili ideologie la sinistra è nata x fare opposisizione!!!

Anonimo ha detto...

Se tu sei operaio e padre di 4 figli io sono Berlusconi.
E da Silvio ti esorto: non dire c...te

maurysto ha detto...

Io non credo a questa ipotesi.

A Berlusconi interessa la presidenza del consiglio con un ampia maggioranza parlamentare per governare senza intoppi.

La questione riforme l'affronterà lui, ne sono certo.

Non credo a governi di transizione il momento è drammatico e perdere ulteriormente tempo non converrebbe a nessuno.

L'unico a cui non converrebbero le elezioni subito è Veltroni.
Non è ancora pronto e ha grossi problemi all'interno.
Sentito Mussi cosa ha detto ?
La sinistra in italia è finita.
Questo è certo.

pabi71 ha detto...

Ciao Nicola.
Concordo quello che hai scritto nel post,e concordo in parte,quello scritto da anonimo,nel commento prima del mio.
Anche io sono un operaio,e la situazione è molto triste.
Purtroppo lo stato italiano è mandato avanti dalla mafia e dalla chiesa,non è più,secondo il mio modesto parere,una questione di destra o di sinistra,ormai sono uguali.
La storia è sempre quella,gli imprenditori evadono le tasse,gli operai sono super tassati,gli stipendi non vengono rivalutati e addirittura nella ditta in cui lavoro,il nazi-direttore,ogni anno,vuole rifare il contratto cavandoci sempre delle cose in più.
La tristezza è che nei telegiornali si sentono sempre le stesse cose,la gente non spende,e un nuovo indagato.
Che tristezza,pensare addirittura che Berlusconi,prima o poi,riuscisse anche a diventare Presidente della Repubblica.
Ci mancherebbe solo questo,un pluri indagato,mafioso e bugiardo.
Mamma mia come siamo messi male,saremmo sbefeggiati ancora di più dal resto del mondo,dove,qualcosa su di lui viene veramente trasmesso o scritto.
Basta,mi sto già incazzando.
Un saluto e a presto.
P.S.
Nicola,se hai un banner,grande o piccolo,lo inserisco volentieri nei banner amici,c'è il link nella mia home page.
Ciao a presto.
pabi.

enricodellacom ha detto...

non ci resta che aspettare qualche ora..

rokko ha detto...

E' vero che c'è sempre qualcosa da imparare nella vita, ma studente a 40 anni proprio no ...

Fangio ha detto...

Per "anonimo operaio":non credo che se avessimo avuto Berlusconi al governo la situazione delle famiglie sarebbe migliorata,l'unico risultato sarebbe stato quello di uscire completamente fuori controllo con i conti pubblici e ritrovarci fuori dall'Europa.Il problema del "carovita" esiste ma le responsabilita' non penso siano da ricondurre al Governo Prodi:banche strozzine,evasori fiscali(categoria cara a Silvio),commercianti disonesti(altro serbatoio di voti Forza Italia),situazione economica mondiale.Certo che le sinistre hanno le loro colpe ma esser cosi'ciechi da credere che con Berlusconi sarebbe stato diverso..

clark kent ha detto...

anch'io penso che la tua ipotesi non sia campata in aria ma,al tempo stesso considero le obiezioni di maurysto altrettanto forti per cui...wait and see
clark

maurysto ha detto...

@FANGIO :

Vedo che i luoghi comuni sono il filo conduttore del tuo scritto.

Ancora sei convinto che Berlusconi sia parente degli evasori e "gli amici" di Prodi che lucrano miliardi siano onesti comunisti ?

Non io ma autorevoli giornali classificano questo governo e la sua classe politica la peggiore d'Italia !

Che il debito pubblico con il governo Prodi sia diminuito è solo leggenda metropolitana messa in circolazione dallo stesso Prodi e dai comunisti che lo sostengono.

Infatti la fotografia messa in giro dall' OCSE è tutt'altra.

Gli italiani sono indebitati fino al collo, le tasse ci mangiano tutto e il risparmio è zero.

Si è spostato il debito dalle casse dello stato alle casse degli italiani.

Ti sembra un risultato positivo aggiunto alla stagnazione dei consumi prevista per il 2008 ?

Cosa dovremmo consumare se soldi non ce ne stanno ? e non ce ne lasciano ?

Ma per fare cosa poi ci tartassano di tasse ? Per aumentarsi lo stipendio, mantenere chi viene assunto per non lavorare, darsi le pensioni d'oro e tante altre schifezze ??

Nooooo ! che vadano via ! Meglio Berlusconi.
Almeno è un operativo.
Non sarà onesto del tutto, non lo è certamente, ma almeno fatica da dio per fare qualcosa e, questa è storia, il suo governo è durato più di tutti dalla fine della guerra.

Non credo sia poco.

Nicola Andrucci ha detto...

rispondo un po' per volta:

@Ste e Rocco: la fonte da cui ebbi questa notizia, ovvero la volontà di Berlusconi di diventare Capo dello Stato è molto autorevole, e proviene da Gianfranco Pasquino, uno dei più esperti politoligi a livello internazionale.
Credetemi, ora o dopo, Berlusconi al Colle ci pensa eccome.

Nicola Andrucci ha detto...

@anonimo1: non hai fatto bene i conti: Napolitano decadrà nel maggio 2013, se si vota ora, il prossimo parlamento rimarrà in carica fino a Marzo 2013, quindi il Capo dello Stato verrà votato dal Parlamento successivo. Potrebbe succedere che andremo alle elezioni in autunno 2008 o a primavera 2009.

Nicola Andrucci ha detto...

@maurysto: come ho scritto sopra, la notizia sulla volontà di Berlusconi di salire al Quirinale, l'ho avuta da una fonte molto autorevole. Berlusconi ha già espresso in passato il suo "sogno" di diventare Presidente della Repubblica. Anzi di più, vorrebbe diventare Capo dello Stato, in una Repubblica Presidenziale.

Nicola Andrucci ha detto...

@clark: le mie sono ipotesi ma, come ho detto, Berlusconi ha più volte manifestato la sua volontà di diventare Presidente della Repubblica.

Nicola Andrucci ha detto...

@paby: non ho un banner per il semplice fatto che non sono capace a crearlo! se qualcuno mi aiutasse... :-)

Nicola Andrucci ha detto...

@mancio: i nostri politici, fanno pochi i nostri interessi, ma i loro li sanno fare bene. Casini ha aperto alla soluzione del governo istituzionale, Berlusconi ieri ha scelto di non parlare in aula e il discorso di Vito non è stato così "aggressivo" come ci si poteva aspettare... Vedremo

Anonimo ha detto...

Questa classe dirigente e' degna rappresentante del popolo italiano.
Chi ha permesso questa classe dirigente ? Gli italiani.
Chi si fa manipolare da TV e dai propri leader ? Chi se ne sbatte i coglioni della politica? Chi pensa solo a tirar acqua al proprio mulino a discapito di altri? Chi e' questa gente? Sono gli italiani.
Chi ha deciso per un sistema meritocratico? Perche' c'e' tanta gente che ama dedicarsi al paraculismo? Perche' non c'e' senso civico, di civilta' e onesta'?
Perche' continuare a puntare il dito sui cattivi quando i cattivi in primis siamo noi?
Se l'italia avra' ulteriore retrocessione questa sara' pienamente meritata.
W IL DECLINO!

Anonimo ha detto...

Leggere blog di questo tipo è molto stimolante...Sono un libero professionista che da anni opera nel settore del mercato del lavoro come elaboratore di buste paga e contrattazione aziendale molto apprezzato sia dalle associazioni di categoria che dai sindacati (opero in area fiorentina)!!!!
Per fare aprire gli occhi un pò a qualcuno lasciate che vi spieghi certe regole: è vero che i datori cercano la via più breve per risparmiare i costi di gestione del personale, a volte a discapito della sicurezza mettendo a repentaglio la vita e la salute dei lavoratori, sfruttano i dipendenti omettendo di pagare certe spettanze quali ad esempio gli straordinari, le ferie o i permessi (ne vedo quotidinamente di situazioni del genere), è anche vero che si fanno accordi tra il datore e il dipendente pattuendo determinate cifre e pagando somme al nero, tutti ben felici e d'accordo....Allora mi sembra sempre di sentire la solita solfa del lavoratore sfruttato e dell'imprenditore evasore...ma la realtà non è proprio così...in Italia c'è un malcostume diffuso, c'è uno Stato che opprime tutti i produttori di reddito con tasse esagerate senza rendere servizi adeguati, indipendentemente da Prodi o Berlusconi, dalla destra o dalla sinistra...arrivati a certi livelli si dimenticano gli ideali, le belle parole, le promesse, ma si tira acqua ai propri mulini in culo ai cittadini normali....abbassare la spesa pubblica, diminuire gli apparati dello Stato, ridurre i benefici per cariche istituzionali, dedicarsi veramente alla missione di cui i cittadini investono il politico, questo sarebbe lecito da aspettarsi e no maledire questo o quel presidente del consiglio, ministro, o assessore.
La politica deve essere vista come una missione, come un servizio fatto alla collettività e non alle solite lobby di potere, alle sole caste privilegiate, o ai propri interessi privati e personali....ma una volta scesi a Roma.....Puff.tutto sparisce e bisogna rendere grazie a chi a Roma ti ha fatto arrivare...
Ciao

Anonimo ha detto...

Berlusconi e tutta la sua corte rappresentano un grosso, grossissimo pericolo per la democrazia. Non dimenticatelo mai!

gueglio ha detto...

tutto quello che succederà sarà sempremeglio di quel porko del mortadella e dei suoi compari,fuori dalle palle, non resisto piu

Anonimo ha detto...

pensa ai danni di prodi e comunisti. non pensare a berlusconi ! sentiamo, secondo un luminare come te, dovremo rivotare questa merda di rappresentanti ? ... si lo so che ci rappresentano come popolo, ma non e' la strada giusta.

Nicola Andrucci ha detto...

@anonimo libero professionista: conosco la situazione difficile di alcuni liberi professionisti. Pensa che un mio amico, libero professionista, ha dovuto prendere un mutuo per pagare le tasse. Sembra un'assurdità, ma lui può confermare il fatto!

Nicola Andrucci ha detto...

non mi sento un luminare, né mi sono mai considerato tale.
Esprimo solo le mie opinioni.

666 ha detto...

abbiamo dato la nazione in mano ad un burocrate con una montagna di scheletri nel cassetto ,lo abbiamo allontanato e fatto presidente dell'Europa per liberarcene ,invece è tornato a gestire la nazione ,altro che mastella!!! ,lui è il prof della bancarotta ..(vedere cirio ed affini) ,in più è la mano nascosta delle banche ,vedi cariplo intesa .....cosa dobbiamo aspettarci da un individuo così !!!

se avesse un minimo di orgoglio personale sarebbe gia andato a casa a vita ...non lo sopportano neanche i suoi amici di merende i cattocomunisti ,i buonisti per caso ....speriamo che parta per lidi lontani e non si faccia più vedere ,ma ne dubito ,in fin dei conti è sempre un ex dc e di "vinavil" sono grandi esperti!!!

Nicola Andrucci ha detto...

@666: se vogliamo parlare di scheletri nell'armadio, ce ne sono di molto peggio, nella politica italiana.

Mr.Segnalatore ha detto...

Interessante ipotesi Nicola...non ci avevo pensato!

Nicola Andrucci ha detto...

@mr.segnalatore: la mia è un'ipotesi, staremo a vedere.

Elisa ha detto...

-,- a me pare una vera e propria cavolata...

non c'è limite alla fantasia umana

Nicola Andrucci ha detto...

@elisa: nulla è impossibile, per la politica italiana.

eli ha detto...

ma allora potrebbe anche essere che prodi è andato al senato proprio per perdere.. perchè vuole le elezioni.. non sa piu che fare a napoli.. e allora preferisce cadere e passare "il problema" ad un altro perchè non sa dove sbattere la testa...

Anonimo ha detto...

a coloro che rifiutano berlusconi, l'evidenza dei fatti e' che con prodi non siamo negli escrementi umani ma direttamente nella munnizza, ma fatemi il piacere! per quanto riguarda le tasse beati voi di sinistra che le adorate, mi fate ridere!

enricodellacomunicazione ha detto...

beh ridurre tutto al problema di napoli mi sembra più che approssimativo. Non è certo solo per questo che si è messo in piedi tutto questo spettacolo.

non credi?

Nicola Andrucci ha detto...

@anonimo: personalmente non adoro le tasse, ma ti assicuro che sono contento di pagarle. Vorrei che non ci fossero sprechi dei soldi pubblici, che non ci fosse evasione fiscale, cosicché le tasse potrebbero essere molto più basse, con servizi molto più efficienti. Sarebbe questo il vero "miracolo italiano"

Nicola Andrucci ha detto...

pare che il senatore Udeur Cusumano voterà SI. E' stato però aggredito dal suo capogruppo e trasportato fuori dall'Aula in barella.

Nicola Andrucci ha detto...

A quanto apprende IGN da fonti vicine al presidente del Consiglio, al Professore mancherebbe solo un sì per andare avanti

Nicola Andrucci ha detto...

le agenzie di stampa riportano che Prodi non dovrebbe avere i numeri per ottenere la fiducia (il condizionale come sempre è d'obbligo).
Se non dovesse passare al Senato, come ho scritto in questo articolo, credo che il governo istituzionale sia l'ipotesi più probabile. Il Presidente Napolitano ha manifestato questa volontà.

Anonimo ha detto...

questa fiducia passerà perchè il berlusca non vuole prendere il cerino acceso: attende che il professore s'infogni di più

Nicola Andrucci ha detto...

@anonimo: come ho scritto nell'articolo, credo che Berlusconi non voglia andare alle urne subito per i motivi sopra esposti.
La caduta di Prodi è più che probabile, ma vedrete che il Capo dello Stato cercherà di mettere in piedi un Governo Istituzionale di larghe intese.

maurysto ha detto...

Secondo me ......cade.

Non ha i numeri e sono troppe le difficoltà.

Io sono in trepidante attesa......ho il dito sul tappo dello spumante............ se cade, lo stappo e mi ubriaco.

Nicola Andrucci ha detto...

@maurysto: come ho detto, è molto probabile che cada ma, a mio avviso, altrettanto probabile è il governo di larghe intese per fare la legge elettorale.

maurysto ha detto...

Non credo alle larghe intese, comunque dovrebbe essere un governo di segno opposto a quello esistente, quindi impossibile.

Appoggi di frange del centro destra ad un governo di centro sinistra con altri innesti ?

E chi si sputtana per poi allearsi con Berlusconi ?

Chi appoggia un governo ora, dopo credo corra da solo e l' UDC, per esempio, non può permetterselo.
AN non tradirà mai Berlusconi e Lega Nord neanche per sogno.

Non vedo altre soluzioni se non le elezioni.

aspettiamo e vedremo.

seguo la diretta su internet e incrocio le dita.

maurysto ha detto...

C A D U T O O O O O O O O !!!!!!!


EVVAIIIIIIIIIIII !!!!!!!!!!!!

VIVA L'ITALIA LIBERA DA PRODI !!!!!

maurysto ha detto...

BUUUUUUUMMMMMM !
BUUUUUUUUUMMMMMMMMMM !!!! PAPAPAPAPAPAPAPAPAPAPPAAAAAAAAA

FELICITAAAAAAA''''''''''

AUGURI A TUTTI I FORZISTI !!!

AUGURI SOPRATTUTTO A TUTTI PER LA LIBERTA' RIACQUISTATA.

Anonimo ha detto...

HAHAHAHAHAHAHA AHHAHAHAHA AHAHAHAHAH PRODI A CASAAAAAAAAAAAAAAA! COMUNISTACCI A CASAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA! HAHAHAHAHA HAHAHAHAH HAHAHHA GODO GODO GODO GODO GODO !!!!!!!!!!!!! HAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAAHHA

Nicola Andrucci ha detto...

è caduto Prodi, mica sono caduto io!
Comunque pure Rizzo dei comunisti italiani deve avere letto il blog, poiché ha appena sostenuto la mia tesi al TG2 :-)
Staremo a vedere cosa succederà nei prossimi giorni.

fangio ha detto...

Si mauristo,auguri per la vostra liberta',che è quella di farvi gli affari vostri come Silvio vi ha insegnato..

Elisa ha detto...

ad Enricodellacomunicazione: OVVIAMENTE non volevo ridurre tutto alla situazione di Napoli.. era una provocazione alla risposta "tutto in politica è possibile".. dire che Berlusconi non vuole le elezioni xke vuole diventare capo dello stato è come dire che Prodi vuole le elezioni perchè non sa che pesci pigliare con tutti i problemi dell'italia (esempio Napoli)..


cmq..spero Napolitano non faccia cavolate.. e decida di andare alle urne.. subito.. magari l'Italia riesce a riprendersi se interveniamo presto..

maurysto ha detto...

Prodi e la sinistra :

Il lupo perde il pelo ma non il vizio.

Riporto dalla Stampa di oggi uno stralcio di articolo :

".......in quella lunga notte e in questi giorni così travagliati Romano Prodi è tornato a confessare alla moglie Flavia, consigliera e confidente come nessun altro («Dopo tanti anni si entra in simbiosi e si somigliano persino le calligrafie...»), quella che è diventata l’ossessione del Professore: «Non posso pensare all’idea che possa tornare Berlusconi: bisogna fare di tutto per evitarlo. Di tutto»."

Ancora una volta l'errore di fondo di puntare solo ad evitare il comando all'avversario.

Il demone Berlusconi, l'indegno, il ladro, il malfattore dei conti pubblici e il dittatore mediatico da evitare come il danno maggiore per l'Italia.

Ma l'Italia non è quello che vuole o voleva Prodi.
L'Italia non vuole una politica costosa fine e celebrativa di se stessa.
L'Italia non vuole le immagini di Napoli.
L'Italia, laica e laicista, non vuole gli attacchi al Papa al quale ha sempre concesso di esprimere opinioni, opinabili.
L'Italia non vuole e non voleva questa sinistra.
E' quello che è risultato dal voto del 16 Aprile.

Ma questo non importa a Prodi.

Lui vuole solo evitare Berlusconi all'Italia.

Si dice che dai propri errori ciascuno di noi debba trarne insegnamento ed esperienza.

Evidentemente Prodi non segue questa regola.

Dimentica, il Professore, di aver precipitato l'Italia in un baratro economico spaventoso e non ditemi, ora, che ha risanato i conti pubblici come dice anche Ezio Mauro sulla Repubblica di oggi, perchè non ha fatto altro che trasferire parte del debito pubblico, su ciascuno di noi.

Una sorta di artificio contabile : diminuisce lo scoperto bancario su un conto corrente, prelevando danaro da un altro, facendolo sconfinare dal limite imposto.

Poi dice : Visto ? Il debito è diminuito !

Certo trova chi ci crede, chi non sapendo leggere i numeri ed ascoltare la gente o palpando la realtà, ma gli italiani non credono alle favole.

E' finita la stagione del Professore e delle sue "fughe dalla realtà", fortunatamente per tutti, si volterà pagina.

Una pagina triste, certo triste per tutti, di destra e di sinistra, perchè la certezza sovrasta l'incerto e questo governo non ha fatto nulla per nessuno, se non per se stesso.

Governare contro il popolo non ha mai pagato nulla.

Tutti lo sanno, solo Prodi e chi lo ha votato hanno fatto finta di non saperlo.

Nicola Andrucci ha detto...

un piccolo aneddoto. Come qualcuno avrà visto, in quanto ogni tanto lo allego ai commenti, ci sono alcuni lettori di questo blog nella Camera e nel Senato (abbastanza assidui direi), ma non so chi sono.
Ieri sera guardavo la tv (tipo fantozzi, sintonizzato su 7 canali diversi! :-) e ho sentito due politici, uno della Camera e uno del Senato, che sostenevano la mia tesi!
Volete sapere chi erano? Rizzo del PDCI e Cossiga! Vi immaginate Cossiga che legge questo blog?!? :-)

rokko ha detto...

@Maurysto, uno a casa sua con la moglie sarà libero di pensare (o fare) quello che vuole ?

Se vuoi saperlo, c'è un sacco di gente (me compreso) a cui fa schifo l'idea che torni Berlusconi, non per lui in se stesso, ma perché ci fa rivoltare lo stomaco l'idea che uno che possiede aziende per il valore di una finanziaria possa andare a fare la finanziaria stessa.

Per quanto riguarda il debito pubblico, quello va ridotto punto e basta, a meno di non voler precipitare in pochi anni al livello dell'Africa o dell'America Latina. Se non lo paghiamo oggi lo pagheremo fra qualche anno moltiplicato per dieci e così via.

Si può ridurre alzando la pressione fiscale o riducendo le le spese correnti o facendo tutte e due le cose. Prodi & co. lo hanno fatto prevalentemente nel primo modo, generando (giustamente, anche in me, non lo nego) malcontento nella gente, però il problema lo hanno affrontato, mentre il precedente governo ha cazzeggiato su questo punto per cinque anni.

Ora, poiché mi sembra inevitabile che si vada alle elezioni e che vinca il centro destra con Berlusconi premier, smettiamola con questi piagnistei della sinistra che odia Berlusconi: avrà già il voto della maggioranza degli italiani, non ha bisogno che la sinistra lo "ami", non ti pare ?

Piuttosto, assumiamo un atteggiamento disincantato e vediamo come affronteranno il problema del debito pubblico:

- se inizieranno a ridurre la spesa pubblica, nonostante abbia sempre votato a sinistra comincerò a votarli pure io, nonostante Berlusconi mi sia indigesto.

- se continueranno come Prodi & co. mi farò delle grasse risate

Tuttavia, io penso che faranno diversamente: tagliare la spesa pubblica non è uno scherzo, ma si può fare. Soprattutto, la spesa pubblica si può tagliare solo con provvedimenti a lungo termine, che hanno effetto dopo quattro-cinque anni, un orizzonte temporale che nessuno dei partiti attuali ha, riuscendo a vedere solo fino alla prossima elezione. Perciò, io ritengo che tireranno a campare, come nei cinque anni precedenti.

Staremo a vedere